Novena liturgica del S. Natale (16 – 24 dicembre)

Nota storica – La poetica e devota Novena di Natale, che rievoca tanti dolci ricordi, ebbe la sua prima esecuzione in Torino nella chiesa dell’Immacolata, allora appartenente ai Preti della Missione. La “Marchesa Gabriella Marolles” delle Lanze, Verrua Savoia, Caluso, ne fu l’occasione e la munifica fondatrice. Rimasta vedova e trasferitasi a Torino in una casa vicina alla Congregazione della Missione di S. Vincenzo de Paoli, attualmente sede dell’episcopato, prese a frequentare con pia devozione la chiesa di detto istituto dedicata alla Beata Vergine Immacolata. Sotto la guida del rev. P. Amosso di quella stessa Congregazione, suo consigliere spirituale, acquistò una profonda devozione verso il mistero della Incarnazione e del Natale del Signore. Si usava in quel tempo la Novena così detta “dei versetti” composta dal P. Campagna Il dotto e pio reverendo P. Antonio Vacchetta, moderatore prudente del Collegio Teologico eretto nella Casa del la Congregazione della Missione ed intimo del Beato Sebastiano Valfrè, per assecondare la devozione della Marchesa, prese a comporre una nuova Novena cantata, com posta di Profezie, di Salmi ed Inno a modo di Vespro. E’ da notare in modo particolare il “Laetentur Coeli” composto da lui con frasi tolte dalla Sacra Scrittura e che formano un tutto armonico di impareggiabile bellezza. La Novena venne celebrata per la prima volta per il Natale del 1720. La Marchesa ne fù tanto contenta, che fissò un lascito di cinquemila lire, affinchè la si celebrasse ogni anno. Per opera dei Missionari e dei Preti che in Avvento face vano gli esercizi spirituali alla Casa della Missione e frequentavano la funzione suddetta, nonchè dei Chierici del Collegio Teologico che, divenuti preti, si diffondevano nelle Diocesi, questa Novena venne in breve diffusa in Piemonte, Lombardia, Liguria, e poi con sempre maggiore simpatia e devozione in altre regioni d’Italia e del mondo.

Invitatorio e profezie

1. Régem ventúrum Dóminum, – veníte adorémus. Il coro ripete ad ogni antifona: Régem ventúrum, etc.

2. Jucundáre, fília Sion, – et exúlta satis, fília Jerúsalem. – * Ecce Dóminus véniet, – et erit in die illa lux magna, – et stillábunt montes dulcédinem, – * et colles fluent lac et mel, – quía véniet Prophéta magnus, et ipse renovábit Jerúsalem.

3. Ecce véniet Deus, – et Homo de domo David sedére in throno, * et vidébitis, – et gaudébit cor vestrum.

4. Ecce véniet Dómi­nus, protéctor noster, Sanctus Israël, – corónam regni habens in cápite suo * et dominábitur a mari usque ad mare, – et a flúmine usque ad términus – orbis terrárum.

5. Ecce apparébit Dó­minus, et non mentiétur: * si moram fécerit, – exspécta eum, * quía véniet et non tardábit.

6. Descéndet Dóminus sicut plúvia in vellus, – oriétur in diébus éjus justítia – et abundántia pacis, * et adorábunt eum omnes Reges terræ, – omnes gentes sérvient ei.

7. Nascétur nobis párvulus, et vocábitur Deus fortis; * ipse sedébit super thronum David patris sui, – et imperábit: * cujus potéstas super húmerum éjus.

8. Béthlehem cívitas Dei summi, – ex te éxiet Do­minátor Israël, * et egréssus éjus sicut a princípio diérum æternitátis, – et magnificábitur in médio univérsæ terræ, – et pax erit in ter­ra nostra dum vénerit.

La vigilia di Natale si aggiunge la seguente profezia:

9. Crástina die delébitur iníquitas terræ – et regnábit super nos Salvátor mundi.

10. Prope est iam Dóminus. – Coro: Veníte adorémus.

Læténtur cæli

Læténtur cæli, et exsúltet terra: * iubiláte, montes, láudem.

Erúmpant montes jucunditátem, * et colles justítiam.

Quía Dóminus noster véniet, * et páuperum suórum miserébitur.

Roráte, cæli, désuper, et nubes plúant iústum: * aperiátur terra, et gérminet Salvatórem.

Meménto nostri, Dó­mine, * et vísita nos in Salutári tuo.

Osténde nobis, Dómi­ne, misericórdiam tuam, * et salutáre tuum da nobis.

Emítte Agnum, Dómine, dominatórem terræ * de petra desérti ad montem fíliæ Sion.

Veni ad liberándum nos, Dómine, Deus virtútum, * osténde fáciem tuam, et salvi érimus.

Veni, Dómine, visitáre nos in pace, * ut lætémur coram te corde perfécto.

Ut cognoscámus, Dómine, in terra viam tuam, * in ómnibus géntibus salutáre tuum.

Excita, Dómine, poténtiam tuam, et veni, * ut salvos fácias nos.

Veni, Dómine, et noli tardáre, * reláxa facínora plebi tuæ.

Utinam dirúmperes cælos, et descénderes: * a fácie tua montes deflúerent.

Veni, et osténde nobis fáciem tuam, Dómine, * qui sedes super Chérubim.

Glória Patri…

Capitolo (lo recita il celebrante)

Præcúrsor pro nobis ingréditur Agnus sine mácula secúndum órdinem Melchísedech, Póntifex factus in ætérnum et in sæculum sæculi. Ipse est Rex iustítiæ, cújus generátio non habet finem. R. Deo Gratias.

Inno

Le due prime strofe sono la 1a e la 3a dell’inno di Lodi d’Avvento (sec. V), scritto dapprima in poesia tonica e ridotta dalla riforma di Urbano VIII in dimetri giambici. Le altre tre sono la 2a, 3a e 4a dell’Inno di Lodi del Natale di Sedulio (sec. IV-V).

En clara vox redárguit obscúra quæque, pérsonans: procul fugéntur sómnia: ab alto Jesus prómicat.

En Agnus ad nos míttitur laxáre gratis débitum: omnes simul cum lácrimis precémur indulgéntiam.

Beátus Auctor sæculi servíle corpus índuit: ut carne carnem líberans, ne pérderet quos cóndidit.

Castæ Paréntis víscera cæléstis intrat grátia: venter puéllæ báiulat se­créta, quæ non nóverat.

Domus pudíci péctoris templum repénte fit Dei: intácta nésciens virum concépit alvo Fílium.

Deo Patri sit glória, eiúsque soli Fílio, cum Spíritu Paráclito in sæculórum sæcula. Amen

Antifone maggiori per i nove giorni
(dopo l’antifona si intona il Magnificat, e alla fine si ripete l’antifona)

16 Dic. Ecce véniet Rex Dóminus terræ, et ipse áuferet iúgum captivitátis nostræ.

17 Dic. O Sapiéntia, quæ ex ore Altíssimi prodísti, attíngens a fine usque ad finem, fórtiter, suavitérque dispónens ómnia, veni ad docéndum nos viam prudéntiæ.

18 Dic. O Adonái, et Dux domus Israël, qui Móysi in igne flammæ rubi apparuísti, et ei in Sina legem dedísti, veni ad rediméndum nos in bráchio exténto.

19 Dic. O radix Jesse, qui stas in signum populórum, super quem continébunt reges os suum, quem gentes deprecabúntur, veni ad liberándum nos, jam noli tardáre.

20 Dic. O Clavis David, et sceptrum domus Israël, qui áperis et nemo cláudit, cláudis, et nemo áperit: veni et educ vinctum de domo cárceris, sedéntem in ténebris, et umbra mortis.

21 Dic. O Oriens, splendor lucis ætérnæ, et sol iustítiæ, veni, et illúmina sedéntes in ténebris et umbra mortis.

22 Dic. O Rex géntium, et desiderátus eárum, lapísque anguláris, qui facis utráque unum, veni, et salva hóminem, quem de limo formásti.

23 Dic. O Emmánuel, Rex et Legífer noster, expectátio géntium, et Salvátor eárum, veni ad salvándum nos, Dómine, Deus noster.

24 Dic. Cum ortus fúerit sol de cœlo, vidébitis Regem regum procedéntem a Patre tamquam sponsum de thálamo suo.

Orazione (la recita il celebrante)

V. Dóminus vobíscum.

R. Et cum spíritu tuo.

Orémus

Festína, quæsumus, Dómine, ne tardáveris, et auxílium nobis supérnæ virtútis impénde: ut advéntus tui consolatiónibus sublevéntur, qui in tua pietáte confídunt: Qui vivis et regnas cum Deo Patre in unitáte Spíritus Sancti Deus: per ómnia sæcula sæculórum. R. Amen.

Segue la predica e la benedizione eucaristica.

Traduzione della novena in italiano

Invitatorio e profezie

1. Venite, adoriamo il Re che sta per venire ed è il Signore.

2. Gioisci, o Sion, ed esulta, o Gerusa­lem­me! Ecco: verrà il Signore e in quel giorno vi sarà una grande luce, i monti stilleranno dolcezza e dalle colline scorreranno latte e miele, perché verrà il grande Profeta ed Egli rinnoverà Gerusa­lemme.

3. Ecco verrà Dio che come Uomo discende dalla casa di Davide e siede sul trono. Voi Lo vedrete e il vostro cuore ne gioirà.

4. Ecco verrà il Signore, nostro protettore, il Santo d’Israele con la corona regale sul capo e dominerà da un mare all’altro e dal fiume (Eufrate) sino ai confini della terra.

5. Ecco apparirà il Si­gnore e non ingannerà! Se tarda, aspettalo; perché verrà e non tarderà.

6. Il Signore scenderà come pioggia sull’erba; ai giorni suoi fiorirà la giustizia e abbonderà la pace; tutti i re della terra Lo adoreranno e tutte le genti Lo serviranno.

7. Ci nascerà un fanciullo e sarà chiamato Dio forte. Siederà sul trono del suo antenato Davide, e regnerà, e avrà su di sé ogni ­potere.

8. Betlemme, città del Dio altissimo, da te uscirà il Dominatore d’Israele, la cui origine risale all’eternità; sarà glorificato in tutto il mondo e quando verrà porterà la pace sulla nostra terra.

La vigilia di Natale si aggiunge la seguente profezia:

9. Domani sarà di­strutta l’iniquità sul­la terra e su noi regne­rà il Salvatore del mondo.

10. Il Signore è ormai vicino. R. Venite, adoriamo.

Læténtur cæli

Si rallegrino i cieli esulti la terra; cantate, o monti, giubilando, le lodi di Dio.

Prorompano i monti in grida di allegrezza, cantino i colli la divina Giustizia.

Perché il Signor Nostro verrà, e avrà pietà dei suoi poverelli.

Stillino rugiada i cieli, e le nubi piovano il Giusto; s’apra la terra e germini il Salvatore.

Ricordati di noi, o Si­gnore, e visitaci per mezzo del tuo Salva­tore.

Mostraci, o Signore, la tua misericordia, e dacci il tuo Salvatore.

Manda, o Signore, l’Agnello che regni sulla ter­ra, dalle pietre del deserto al monte di Sion.

Vieni a liberarci, Signore, Dio delle virtù; mostraci la tua faccia e saremo salvi.

Vieni a visitarci in pa­ce, per rallegrarci con Te con cuore perfetto.

Acciocché conosciamo in terra la tua via, e in tutte le genti il tuo Salvatore.

Si svegli, o Signore, la tua potenza e vieni a salvarci.

Vieni, Signore, e non tardare, perdona le colpe del tuo popolo.

Oh, s’aprano i cieli e scenda il Signore! Al suo cospetto si scioglieranno i monti.

Vieni, e mostraci la tua faccia, o Signore, che siedi sui Cherubini.

Gloria al Padre…

Capitolo (lo recita il celebrante)

Præcúrsor pro nobis ingréditur Agnus sine mácula secúndum órdinem Melchísedech, Póntifex factus in ætérnum et in sæculum sæculi. Ipse est Rex iustítiæ, cújus generátio non habet finem. R. Deo Gratias.

Inno

Alta fra dense tenebre Voce suonar s’intende; Su, genti, su, destatevi; Gesù dall’alto splende.

Da nostre colpe a scioglierci, Scende l’Agnel di Dio; Suvvia perdon chiediamogli Con cuor pentito e pio.

Per noi l’autor de’ secoli Veste l’umane spoglie, E fatto uom ci libera Dalle tartaree soglie.

Entro le caste viscere Di verginella ignara Dall’alto l’ineffabile Mistero si prepara.

Tempio di Dio, la Vergine, Nel sen concepe un Figlio, Né si scolora o sfrondasi Il verginal suo giglio.

Al sommo Iddio sia gloria. Sia gloria al suo Figliuolo; Sia gloria al Santo Spirito Sia gloria a Dio che è uno solo.

Traduzione delle antifone:

16 Dic. Ecco verrà il Re e Signore della terra, e ci libererà dal giogo della nostra schiavitù.

17 Dic. O Sapienza, proferita dalla bocca dell’Altissimo, che abbracci con la tua potenza l’universo e soavemente disponi ogni cosa, vieni a insegnarci la via della prudenza!

18 Dic. O Signore e Guida della casa d’Israele, Tu che apparisti a Mosè nel roveto ardente e gli desti la legge sul monte Sinai, vieni a redimerci dispiegando la tua forza!

19 Dic. O germoglio di Iesse, posto come segno dei popoli, dinanzi al quale i re ammutoliranno, e le nazioni lo invocheranno, vieni a liberarci, non indugiare oltre!

20 Dic. O chiave di Davide e scettro della casa d’Israele, che apri e nessuno chiude; chiudi e nessuno apre: vieni e togli dal carcere l’incatenato che giace nelle tenebre e nell’ombra di morte!

21 Dic. O Oriente, splendore della luce eterna e sole di giustizia, vieni e illumina chi siede nelle tenebre e nell’ombra di morte.

22 Dic. O Re delle nazioni e da loro desiderato, pietra angolare che dei due popoli ne fai uno, vieni e salva l’uomo che Tu stesso formasti dal fango.

23 Dic. O Dio-con-noi, Re e legislatore nostro, aspettato dalle nazioni e loro Salvatore, vieni a salvarci, o Signore nostro Dio!

24 Dic. Quando il sole sarà spuntato all’orizzonte, vedrete il Re dei re, che procede dal Padre, come sposo dal suo talamo.

Orazione

V. Dóminus vobíscum.
R. Et cum spíritu tuo.
Orémus
Affrettati, o Signore, non indugiare oltre! Porta dall’alto il soccorso della tua forza affinché la gioia della tua venuta riconforti quanti confidano nella tua bontà: Tu che, Dio, vivi e regni.

Segue la predica e la benedizione eucaristica.

Copyright © 2016 - 2021 Centro Librario Sodalitium