La fine di un equivoco

Riflessioni sulla “Fraternità San Pio X” o “Fraternità degli Apostoli di Gesù e di Maria”

→ ascolta questo comunicato su YouTube

Il 1 settembre 2015, in una lettera indirizzata al “Presidente del Pontificio Consiglio per la nuova Evangelizzazione” Mons. Rino Fisichella, l’attuale occupante della Sede Apostolica, Jorge M. Bergoglio, ha dichiarato che, durante “l’Anno Santo della Misericordia”, a partire quindi dall’8 dicembre, 50° anniversario della chiusura del Concilio Vaticano II, i sacerdoti della Fraternità Sacerdotale San Pio X, per sua disposizione, avranno i poteri per confessare tutti i fedeli che ricorreranno al loro ministero, in modo tale che le assoluzioni sacramentali da loro impartite saranno valide e lecite.

Questa decisione ha fatto molto scalpore, anche se in realtà non fa che confermare altre decisioni altrettanto importanti.

Il 17 marzo 2015, infatti, il governo argentino ha riconosciuto la Fraternità Sacerdotale degli Apostoli di Gesù e di Maria (vero nome della Fraternità San Pio X) come persona morale in quanto associazione di diritto diocesano, godendo dei privilegi che lo stato accorda agli enti riconosciuti dalla Chiesa cattolica, e questo in seguito a una espressa richiesta dell’arcivescovo (modernista) di Buenos Aires, successore di Bergoglio, Mario Aurelio Poli, il quale ha dichiarato al governo argentino, il 23 febbraio, che la Società fondata da Mons. Lefebvre è stata eretta nella sua diocesi come società di diritto diocesano a norma del canone 298 del (nuovo) codice di diritto canonico (associazione di fedeli) in attesa di essere riconosciuta come Società di vita apostolica. Ricordiamo che la Fraternità San Pio X fu eretta, a suo tempo, nella diocesi di Ginevra-Losanna-Friburgo, ad experimentum, come ‘pia unio’. L’atto compiuto il 1 novembre 1970 da Mons. Charrière è praticamente identico (anzi, l’approvazione dell’ordinario di Buenos Aires non è ad experimentum) a quello dichiarato da Mons. Poli al governo argentino. Risulta che Mario Poli abbia agito su precisa domanda di J. M. Bergoglio.

Il 5 giugno 2015, la Congregazione per la dottrina della Fede ha accordato a Mons. Fellay, in qualità di superiore generale della medesima Fraternità San Pio X, i poteri di giudice di prima istanza in un processo canonico nei confronti di un sacerdote della Fraternità.

La decisione del 1 settembre è quindi in perfetta continuità con le precedenti.

Fin dal 1974, quando Paolo VI volle la soppressione della Fraternità San Pio X, si parla di “un accordo” tra la Fraternità e i Modernisti (temuto dagli uni, auspicato dagli altri). Ancor oggi si discute per sapere se questo “accordo” (ovvero il riconoscimento canonico della Fraternità San Pio X da parte della “autorità” modernista, che resta tale) si farà o meno. Noi siamo stupiti nel costatare che nessuno, o quasi nessuno, si sia accorto che l'”accordo-riconoscimento” canonico (un “accordo” tacito è sempre esistito) è già avvenuto, e questo proprio sotto il “pontificato” di J. M. Bergoglio. Non si può ufficialmente dichiarare a un governo che la Fraternità San Pio X è stata canonicamente eretta nella propria diocesi, senza che – in qualche modo – ciò sia realmente avvenuto. Non si può nominare il superiore generale della detta Fraternità giudice di prima istanza sui suoi sudditi, e quindi ordinario, senza che detta società esista canonicamente in qualche modo. E non si vede come si possa dare il potere di giurisdizione ai membri di una società che non è riconosciuta nella Chiesa, fosse anche solo per confessare. E difatti la Fraternità San Pio X o Fraternità degli Apostoli di Gesù e di Maria non si distingue più realmente dagli altri movimenti Ecclesia Dei o Summorum Pontificum, ricevendo infatti di già accoglienza dai “vescovi”, anche in modo stabile, nelle chiese, e collaborando in sacris coi “sacerdoti” di cui sopra (Ecclesia Dei e Summorum).

Qualcuno obietterà che anche nella lettera a Mons. Fisichella, Jorge Bergoglio precisa che i sacerdoti e i superiori della Fraternità non sono ancora “in piena comunione”. Senza dubbio, un riconoscimento canonico definitivo e ufficiale non è ancora intervenuto. Ma proprio in questo si nota l’abilità, e lo stile “pastorale” di Bergoglio, allergico alla teologia e al diritto, che lascia volentieri a teologi e canonisti. Aggirando ogni difficoltà, ha riconosciuto di fatto la Fraternità San Pio X, senza che quasi nessuno se ne renda conto e senza sollevare quindi, gli ostacoli che, da una parte e dall’altra, erano stati mossi quando era Joseph Ratzinger a preparare il riconoscimento canonico. Dove il “teologo” Ratzinger ha fallito, il “pastore” Bergoglio ha ottenuto lo scopo.

Per il resto, il concetto di “piena comunione” o di “comunione imperfetta” è concetto e terminologia conciliare (della costituzione Lumen Gentium in particolare): non si può quindi applicare alla teologia conciliare i principi cattolici dell’enciclica Mystici Corporis, ad esempio. Per Bergoglio, in particolare, la “piena comunione” sembra essere questione giuridica secondaria, laddove per l’essenziale, ovvero il comune battesimo, “siamo già tutti una cosa sola, tutti… cattolici, evangelici, ortodossi…” e…. lefebvriani. Il pastore Traettino o l’evangelico pentecostale, il prete “callejero” della teologia della liberazione, il patriarca bizantino col suo modello sinodale di Chiesa e l’economia della misericordia nel matrimonio che autorizza nuove unioni, ed anche il prete lefebvriano, sono ai suoi occhi semplicemente dei cristiani che evangelizzano i poveri e portano la “misericordia” per le strade della periferia esistenziale, espressioni diverse ma autentiche del sentimento religioso.

Per la Fraternità San Pio X, d’altro canto, risulta impossibile rifiutare quanto è generosamente offerto da colui che è riconosciuto come “Sommo Pontefice” e “Santo Padre”. L'”una cum Papanostro Francisco” è di già un dichiararsi membro e suddito di quella che, pur tuttavia, era da loro chiamata “chiesa conciliare”. Di fronte al dono generoso del “Santo Padre”, come rifiutare? Come non ringraziare? Come non esultare? Eppure, la giurisdizione accordata per l’anno santo (a partire quindi dall’otto dicembre, nel 50° anniversario di Dignitatis Humanae, di Nostra ætate e del “culto dell’Uomo”) per poter confessare validamente oltre che lecitamente, lascia intendere che, prima di questa data, e dal 1974, i sacerdoti della Fraternità hanno confessato illecitamente e invalidamente! Timidamente, la casa generalizia ricorda che per loro le confessioni fin qui amministrate, lo sono state validamente e lecitamente secondo le norme generali del codice di diritto canonico, stante il caso di necessità. Ma come invocare lo stato di necessità (che comunque il diritto canonico limita al pericolo di morte e all’errore comune, e non estende come fa la Fraternità, anche legittimamente ma non canonicamente, ad ogni caso) che accorderebbe una giurisdizione supplita, visto che, se ci si basa sui principi della stessa Fraternità – specialmente ai nostri giorni – chiaramente esso non esiste. Quale sarebbe la necessità di confessarsi ai sacerdoti della Fraternità San Pio X se, per essa, la Chiesa ha un Papa, dei Vescovi diocesani, dei sacramenti e una messa assolutamente validi, anche se amministrati secondo il nuovo rito (e persino leciti, secondo la rivista Si si no no)? Quale necessità, se comunque tali sacramenti, incluso quello della Penitenza (o – come viene chiamato ora – della Riconciliazione) sono amministrati da sacerdoti tutti validamente ordinati, in comunione col Papa, e si possono comunque ottenere nel rito antico dai sacerdoti Ecclesia Dei-Summorum Pontificum o da altri sacerdoti benevoli? Se si risponde che tali sacerdoti sono eretici o non professano integralmente la fede cattolica, com’è che la Fraternità li accoglie spesso nelle sue case, li fa celebrare ai propri altari (anche se ordinati col nuovo rito e celebranti abitualmente detto nuovo rito)? È evidente che, stante l’attuale situazione, dal punto di vista della Fraternità San Pio X non sussiste alcuno stato di necessità che sia così grave da giustificare, nei sacerdoti della Fraternità stessa, una giurisdizione supplita, tanto più che Bergoglio concede loro la giurisdizione delegata senza che neppure la debbano chiedere (in apparenza, almeno). Ci possiamo legittimamente chiedere allora: in virtù di quali principi confessano e confesseranno i sacerdoti della Fraternità? Di uno stato di necessità che per essi stessi non ha più motivo di sussistere? O in virtù dei poteri accordati dall’occupante la Sede Apostolica? E per realizzare quale missione essi confessano, celebrano, amministrano i sacramenti: quella che Gesù Cristo ha affidato alla Chiesa (“chi crederà sarà salvo, chi non crederà sarà condannato”) o quella che ha per Capo J. M. Bergoglio (che predica il dialogo interreligioso e l’ecumenismo: anche chi non crederà sarà salvo)? Una simile domanda dovrebbe porre agli sventurati penitenti dei sacerdoti della Fraternità (e simili) penosi dubbi e tormenti di coscienza…

Per chi ha occhi per vedere e orecchie per udire, dovrebbero essere sempre più chiare le conseguenze logiche e ineluttabili dell'”una cum” – ovverosia del riconoscere – come la Fraternità San Pio X ha sempre fatto, la legittimità e l’autorità dei modernisti che almeno dal 1965 occupano la Sede Apostolica. Alcuni, che pur si dicono “sedevacantisti”, temono che si faccia l'”accordo” tra la Fraternità e J.M. Bergoglio, accordo rappresentato come una trappola. Noi ci auguriamo invece che finalmente cessi l’equivoco, e che i cattolici che ingenuamente si erano fidati di guide prive di vista, sappiano finalmente aprire gli occhi, abbandonando definitivamente un’opera che non ha mai avuto il coraggio di dire fino in fondo la Verità.

3 settembre 2015, festa di San Pio X,
a 30 anni dalla nostra uscita dalla Fraternità San Pio X (dicembre 1985)
Copyright © 2016 - 2018 Centro Librario Sodalitium